La traversata del Tevere

di Andrea Loreni

in partnership con TIM

Il 10 dicembre 2017 sarà una data storica per la città di Roma. Per la prima volta nella storia della città eterna un funambolo attraverserà il Tevere sospeso su un cavo d’acciaio che congiungerà una sponda all’altra del fiume.

Domenica 10 dicembre all’altezza di Ponte Sant’Angelo il pubblico avrà la possibilità di assistere ad una Camminata nel Cielo del funambolo Andrea Loreni, di ammirare il sottile equilibrio, la vertigine e la magia di un uomo che, abbandonato il suolo, sceglie il rischio, spaventevole e affascinante.
La traversata è prevista per le ore 19.00 e sarà anticipata da un breve flash mob su Ponte Santangelo con una coreografia pensata appositamente per l’evento.

Andrea Loreni, unico funambolo italiano specializzato in traversate su cavo a grandi altezze, camminerà su un cavo lungo 135 metri circa e spesso 14 mm a 20 metri di altezza.

L’evento, realizzato in partnership con TIM e ideato da Peppe Casa, direttore artistico di MArteLive è uno dei principali progetti speciali della BiennaleMArteLive 2017 che dal 5 al 10 dicembre porterà in scena in oltre 50 location diverse circa 1000 artisti.


CAMMINARE NEL CIELO
La camminata del funambolo è un atto archetipico che comunica direttamente all’inconscio, mostrando una via dove non avreste immaginato ce ne potesse essere una.
Sospendere l’ordinario, alzare gli occhi al cielo e scoprire lassù, tra architetture famigliari, un azzardo straordinario: il sottile equilibrio del funambolo, la vertigine e la magia di un uomo che, abbandonato il suolo, sceglie il rischio, spaventevole e affascinante.
Il timore di partire verso l’ignoto, il rischio di perdersi nel vuoto, la scoperta di ciò che c’è oltre la paura e la solitudine, l’assoluto: uno spettacolo profondamente simbolico, denso ed essenziale, sintesi del sentire umano.
http://ilfunambolo.com/



IL FUNAMBOLO
Andrea Loreni
Nato nel 1975 a Torino, laureato in filosofia teoretica con Giuseppe Riconda all’università di Torino. Nel 1997 inizia a fare teatro di strada. Dal 2006 si dedica alle camminate su cavo a grandi altezze. L’intuizione dell’assoluto avuta camminando a grandi altezze lo avvicina alla pratica della meditazione Zen, che approfondisce sotto la guida di Shodo Harada Roshi al tempio Sogen-ji a Okayama, in Giappone.

Nel 2011 Andrea ha stabilito il record italiano nei cieli di Pennabilli, in Romagna, percorrendo 250 metri a 90 di altezza tra i colli di Penna e Billi; mentre a Rocca Sbarua, in provincia di Torino, ha passeggiato a 160 metri da terra.

Andrea ha camminato sopra l’acqua o immerso nel verde delle montagne, per il cinema e la televisione, in piano e in pendenza, in silenzio o accompagnato da suoni che hanno vibrato insieme alla corda. Ha percorso chilometri su un cavo teso nei cieli di numerose città italiane, tra cui Torino, Bologna, Roma, Venezia, Firenze, Genova, Brescia, Trieste, e all’estero camminando nei cieli della Svizzera, della Serbia, in Israele e lo scorso agosto sopra il lago del Tempio di Sogen-ji in Giappone.