BiennaleMArteLive 2019

Dal 3 all’8 dicembre torna la BiennaleMArteLive
L’incubatore di progetti ed eventi culturali di musica, cinema, arti performative e arti visive
40 location tra Roma e Lazio, 1000 artisti e 300 spettacoli

Da quasi vent’anni MArteLive è uno degli appuntamenti culturali più attesi della Capitale e anche quest’anno dal 3 all’8 dicembre Roma e diversi borghi del Lazio ospiteranno la nuova edizione della BiennaleMArteLive, l’evoluzione su scala regionale del format multidisciplinare storico di MArteLive.

Sono attesi circa 1000 artisti provenienti da tutta Italia ed Europa grazie alla collaborazione con diverse ambasciate coinvolte nel progetto. Saranno centinaia gli artisti emergenti insieme ad altri affermati come Daddy G (Massive Attack), Tre Allegri ragazzi morti, Antonio Rezza e tanti altri che saranno annunciati nei prossimi giorni.

Per questa edizione il direttore artistico e ideatore del festival Peppe Casa si è concentrato sulla varietà e la qualità dell'offerta distribuita in maniera omogenea su tutto il territorio regionale senza focalizzare troppo l’attenzione sul grande nome – ce ne sono diversi notevoli - ma lavorando sull’effetto sorpresa con eventi suggestivi, unici e innovativi.

La BiennaleMArteLive sarà un’occasione di ricerca, scoperta, innovazione, esplorazione di nuovi mondi artistici e culturali attraverso centinaia di eventi distribuiti e diffusi su tutto il territorio anche in location non convenzionali e suggestive.

L’edizione 2019 del festival è realizzata con il contributo della Regione  Lazio, Nuovo IMAIE e il sostegno di ATCL – Associazione Teatrale dei Comuni del Lazio. 

La manifestazione è suddivisa in due fasi.

La prima fase si svolgerà dal 3 al 5 dicembre in un’unica location nel suo format storico al Planet Live Club con circa 450 artisti selezionati in tutta italia  nel corso 2 anni e distribuiti nelle 16 sezioni artistiche che compongono l’evento e ospiti d’eccezione.

La seconda fase – dal 6 al 8 dicembre – rappresenterà l’esplosione del format MArteLive su scala cittadina e regionale con decine di eventi off  raggruppati in 18 progetti speciali con artisti ospiti nazionali ed internazionali come Daddy G (Massive Attack), Priestess, Tre Allegri Ragazzi Morti, Blindur, Lupetto, Joe Victor, La Nina, Antonio Rezza.

La BiennaleMArteLive è la naturale evoluzione su scala regionale del festival multidisciplinare MArtelive e del suo format esteso però a livello territoriale e non solo su un’unica location.

Nato nel 2001 da un’idea del direttore artistico Peppe Casa, MArteLive sin dalla prima edizione, è concepito e pensato come uno spettacolo totale in cui tutte le arti e gli artisti che le rappresentano entrano in una sinergia empatica: MArteLive è il girotondo delle muse, lo scambio tra un linguaggio estetico e l’altro. Tutte le sezioni artistiche sono sapientemente amalgamate tra di loro in un gioco di forze artistiche ed equilibri sinestetici che, serata dopo serata, sala dopo sala, creano emozioni irripetibili nella loro essenza. 

Nell’idea originaria di Peppe Casa, l’intento era quello di tessere un filo immaginario per unire armonicamente le singole performance.
“A distanza di diciannove anni il filo continua a rimanere teso. La differenza di questo format, che è anche la sua forza, è la capacità ad ogni evento di riproporre qualcosa di diverso che incuriosisca il pubblico, offrendo un'esperienza sensoriale unica. La multidisciplinarietà dello spettacolo che presentiamo è estremamente difficile da mettere in pratica, forse il vero successo sta nell'equilibrio tra le arti che si viene a creare; e l'esclusività è riuscire a farlo ogni volta in modo nuovo e sorprendente”.